Un sito web monopagina (detto anche one page site) è un sito web costruito con un’unica pagina.

Quando ricorrere a questa soluzione? Quando può essere utile? Quali sono gli elementi indispensabili?

In questo articolo provo a darti le mie personali risposte a queste domande.

Sito Web Monopagina e Landing Page: non sono la stessa cosa

Il primo punto fondamentale su cui fare chiarezza è la differenza tra sito web monopagina e landing page.

Con il termine landing si intende una: “pagina di destinazione di una campagna pubblicitaria online, ossia la pagina su cui arriva l’utente dopo aver cliccato su di un link inserito in un risultato di ricerca o in un annuncio pubblicitario online (Fonte Glossario del Marketing)”.

Come spiega Luca Orlandini, uno dei massimi esperti in materia, la Landing Pageè il cuore di una strategia di web ed è uno strumento del direct response marketing, disciplina che si pone come obiettivo un ritorno diretto e misurabile in vendite, ordini o richieste di informazioni”.

Non voglio dilungarmi in questo articolo sulla tematica, per questo ti consiglio il libro di Luca Landing Page Efficaci.

Quello che è importante capire è che sulla Landing Page ci arrivano esclusivamente utenti dalle nostre campagne pubblicitarie (social media, google ads, mailing, banner).

Queste pagine hanno un obiettivo ben preciso: ottenere una conversione, sia essa un acquisto, la compilazione di un modulo di contatti o il download di una risorsa.

Per questo una landing page segue una struttura ben definita, con componenti e logiche di copywriting orientate alla vendita e alla persuasione.

Con sito web monopagina intendo, invece, un sito web per un’azienda o un libero professionista nella sua versione più semplice: una sola pagina e nessuna navigazione in orizzontale nel menù.

Quando creare un Sito Web Monopagina?

Un sito web monopagina può essere la soluzione ideale per quei professionisti e quelle aziende che vogliono iniziare a essere presenti sul web in maniera graduale.

Per un libero professionista, un sito web one page può essere un primo punto di partenza per la sua strategia di personal branding.

Una soluzione di questo tipo ha un vantaggio in termini di costi e di “ambientamento”.

Se non sei avvezzo alle tematiche digitali e se quello che ti serve al momento è solo una vetrina online (un po’ come ai vecchi tempi), allora questa scelta può essere la tua migliore opzione.

Sicuramente non dovrai aspettarti nulla lato posizionamento sui motori di ricerca.

Su quel fronte potrai lavorare quasi esclusivamente sulla chiave band: il tuo nome e cognome, il nome dell’azienda o il nome della società.

Cosa non può mancare

Se pensi che il sito web monopagina sia la soluzione più adatta a te in questo momento, assicurati che nella sua struttura non manchino alcuni elementi essenziali.

Per prima cosa spiega subito e in maniera chiara di cosa ti occupi.

Qual è il tuo prodotto o servizio principale? Quale problema sei in grado di risolvere? Qual è la tua professione?

Il secondo elemento chiave è la tua presentazione.

Soprattutto se sei un libero professionista che sta gettando le basi per la sua strategia di Personal Branding, la foto del tuo volto non deve mancare.

In poche righe presentati, racconta chi sei e la tua professione.

La terza informazione che non deve mancare sono i tuoi prodotti o servizi.

Come puoi aiutare l’utente? Quando avrà bisogno di te? Quando sei la risposta ai suoi problemi?

Non dimenticare i tuoi contatti!

Verosimilmente non hai strutturato questa pagina come una landing page (ma non è detto che, per questione di budget, tu non la possa utilizzare come destinazione di campagne di advertising, mi perdonino i puristi del marketing).

In qualunque caso la tua email e il tuo numero di telefono devono essere ben visibili.

Riprova sociale e FAQ: altri elementi utili

Un sito web monopagina può essere più o meno ricco di contenuti.

Puoi scegliere di inserire solo gli elementi essenziali, oppure puoi articolare qualcosa di più elaborato.

In questo secondo caso alcuni contenuti utili potrebbero essere:

  • faq/domande frequenti: ci sono domande a cui rispondi ogni giorni? Ci sono richieste standard da parte dei tuoi clienti? Scrivi qui le tue risposte: poter dire “trova le risposte sul mio sito web” potrebbe tornarti utile
  • testimonianze: le recensioni sono un fondamentale strumento di riprova sociale. Inserisci quelle che spiegano meglio il tuo lavoro e la tua professionalità, il che non significa necessariamente le migliori.

Solo un punto di partenza

Come vedi anche un sito web di una sola pagina può contenere tante informazioni ma il mio consiglio è sempre quello di vederlo come un punto di partenza.

Sviluppare un sito in “orizzontale” e “in verticale” è fondamentale per la tua presenza online.

Un semplice elenco di servizi è solo un inizio: una pagina descrittiva per ogni singolo servizio deve essere il tuo punto di arrivo.

Così come le FAQ (Frequently Asked Question) possono essere solo un breve spunto per un articolo di approfondimento sul tuo blog…

Insomma. il consiglio è quello di ragionare sul lungo periodo ma non importi come inizi.

Quello che conta è che tu lo faccia con il giusto mindset e orientato al futuro.

Un esempio di Sito Web Monopagina è quello che ho da poco realizzato per la mia amica Giulia Dameno Nutrizionista.

Tags:
× Scrivimi